05/11/2018

L'inverno è alle porte non facciamoci trovare impreparati

Arrivano i primi freddi e la stagione invernale è ormai alle porte, con pioggia, vento e bruschi abbassamenti di temperatura.

E’ indispensabile prestare attenzione all’alimentazione inserendo nella Dieta anche alimenti ricchi di vitamina C, come verdura a foglia verde, peperoni, arance, mandarini, kiwi, ma anche legumi, ricchi di vitamina B e di sali minerali come zinco, manganese e rame, che hanno dimostrato un’azione di rinforzo delle difese naturali dell’organismo.

Come tutti gli anni, all’arrivo della stagione fredda fanno la loro puntuale comparsa raffreddore, tosse, mal di gola, influenza.

Ecco qualche suggerimento per prepararsi a fronteggiare al meglio questi disturbi.

Quando necessario, ad esempio nei casi di particolare affaticamento o stress dell’organismo, può essere opportuno integrare la Dieta con elementi particolarmente utili in questa stagione – vitamine, sali minerali, estratti vegetali, come ad esempio l’echinacea, cui la farmacopea ufficiale ha riconosciuto un ruolo di primo piano nel rafforzamento delle difese immunitarie e si è rivelata particolarmente utile per la cura delle affezioni influenzali e del raffreddore; prodotti naturali come la propoli, sostanza resinosa prodotta dalle api con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi elaborati da loro stesse, che vanta numerose e provate proprietà antiinfiammatorie, antivirali, antiossidanti e immunostimolanti, particolarmente utili per combattere i disturbi tipici in questi mesi.

Raffreddore È una infiammazione respiratoria causata da diversi tipi di virus, dei quali il più comune è il Rhinovirus. Viene trasmesso comunemente attraverso starnuti e colpi di tosse. Come prevenire? Evitare i luoghi affollati e chiusi, non fumare, mantenere umidificati gli ambienti e a una temperatura non superiore ai 22 gradi, cambiare spesso l’aria nei locali dove si passa la maggior parte del tempo – casa, ufficio. Inoltre, curare la dieta, con cibi leggeri e ricchi di vitamina C; bere molto acqua, spremute, tisane, camomilla, per reintegrare i liquidi persi a causa della secrezione nasale.

Mal di gola Sensazioni di bruciore e prurito, associate spesso a secchezza e difficoltà a deglutire: questi i sintomi del mal di gola, termine generico che accomuna vari disturbi, come faringite, Laringite o tracheite, nella maggior parte dei casi originati da virus. Come prevenire? Nelle giornate più fredde e ventose, ricordarsi di proteggere sempre la gola con sciarpe, meglio se di lana o di seta; umidificare gli ambienti, ridurre l’eventuale fumo e cercare di evitare gli sbalzi di temperatura. Per questo si consiglia di vestirsi “a cipolla”, in modo da calibrare al meglio la protezione nei confronti degli sbalzi termici. Preferire le fibre naturali – lana, cotone – ma anche le fibre “tecnologiche”, che proteggono e allo stesso tempo consentono una regolare traspirazione. Quando uscite di casa proteggersi, soprattutto in giornate fredde e ventose, con sciarpe di lana o anche di seta. Soprattutto chi vive nelle grandi città abbia l’accortezza di coprire anche la bocca.

Tosse L’inquinamento atmosferico, tipico delle nostre città, aggredisce tutto l’”albero” respiratorio, perché se nelle prime vie agiscono le particelle più grosse, le cosiddette “polveri sottili” invece sono in grado di aggredire fino i più piccoli bronchi periferici. Lo smog e il freddo contribuiscono a diminuire le difese delle vie aeree irritandole e aprendo la strada ai virus, di solito responsabili della tosse secca. A questo può facilmente seguire un attacco batterico, che trasforma la tosse da secca in catarrale, ovvero “grassa”, a volte anche accompagnata da febbre. Come intervenire? Quando la tosse è molto secca e fastidiosa, è importante umidificare gli ambienti ed aerare bene le stanze in cui si vive. Soprattutto in caso di tosse grassa, è necessario bere molto – liquidi ben caldi, meglio se dolcificati con miele – fare suffumigi e aerosol.

Influenza È una malattia respiratoria causata da un virus denominato “influenzale” e le epidemie si verificano pressoché ogni anno, principalmente da novembre a febbraio. L’infezione avviene soprattutto per contatto con le secrezioni respiratorie di persone, attraverso tosse e starnuti. Ha un esordio brusco con la comparsa di sintomi quali mal di testa, febbre, brividi, dolori muscolari diffusi, malessere generale, accompagnati da tosse e mal di gola. La terapia dell’influenza è sintomatica, cioè mirata ad alleviare soprattutto il mal di testa, i dolori muscolari, la febbre quando supera i 38 gradi e mezzo, il mal di gola.

Per combattere l’influenza valgono i consigli visti in precedenza: è necessario inoltre il riposo a letto, umidificare l’ambiente, magari con essenze di timo, verbena, eucalipto.